Categorie
Altre terapie contro il Covid-19

Il ruolo della vitamina D

Uno studio dei Professori Giancarlo Isaia ed Enzo Medico dell’Università degli Studi di Torino ha evidenziato che la carenza di vitamina D sembra correlata ad un rischio maggiore di contrarre il Coronavirus e, in caso di contagio, di sviluppare una forma più grave della malattia.

Sarebbero oltre 300 le ricerche che mostrano una correlazione tra la carenza di vitamina D e il rischio di contrarre l’infezione da Covid-19, di ricovero e di mortalità.

L’integrazione con vitamina D, dunque, potrebbe essere una strategia vincente per la prevenzione e per la riduzione del rischio di malattia.

Un appello di 61 professori, ricercatori e medici italiani rivolto al Ministero e alle istituzioni competenti chiede di somministrare alle categorie più a rischio per il Coronavirus la vitamina D in via preventiva.

Intanto il Primo Ministro Boris Johnson ha deciso di fornire gratuitamente a 2 milioni di cittadini del Regno Unito la vitamina D, seguendo le indicazioni delle raccomandazioni della British Dietetic Association.

Fonti:

Coronavirus, la vitamina D “protegge” dal virus? Cosa dice l’evidenza scientifica, QuiFinanza, 26 settembre 2020.

Vitamina D e Coronavirus: nuovo studio a Torino conferma legame. 61 esperti lanciano un appello, QuiFinanza, 11 Dicembre 2020.

Coronavirus, Johnson in isolamento: distribuirà gratis la “vitamina anti-Covid”, QuiFinanza, 18 Novembre 2020.

Foto di Pete Linforth da Pixabay 

Clicca qui se sei convalescente dal Covid-19 e vuoi donare il plasma!